Sua Maestà il Grigio

Noi lo definiremmo Sua Maestà il Grigio, il re dei colori neutri. Perché?

1) perché è il colore super-partes, non stanca mai, è sempre elegantissimo e sobrio allo stesso tempo, come tutto quello che non passa di moda

2) perché contiene in sé tutti gli altri, e in base a quanto bianco gli aggiungiamo diventa anche più o meno luminoso. Se ci pensate, altro che 50 sfumature di grigio! Ce ne sono molte di più … e molto più interessanti! E questo fa del grigio il nostro colore preferito: è flessibile, poliedrico, super adattabile. E’ in grado di influenzare la luce, e quindi lo spazio in cui viviamo, a seconda della nuance scelta.

A noi piace il grigio chiaro abbinato a colori tenui e polverosi, mentre il grigio scuro lo accostiamo a colori puri e brillanti come nella foto della casa di Abigail Ahern. Nella sua tonalità media fa risaltare le caratteristiche – tonalità e saturazione – dei colori che gli accostiamo. In questo è perfetto per osare. Pensa a una stanza buia: non sarà mai illuminata dalla luce naturale, quindi luminosa, allora perché illudersi che il bianco alle pareti faccia il miracolo? Meglio partire dal grigio e … sbizzarrirsi, osare, creando così una stanza unica e con carattere, un’atmosfera. Infatti il grigio è un colore d’atmosfera, che avvolge tutto, in modo ovattato come la nebbia se è chiaro, in modo più deciso come il fumo se scelto nelle varianti più scure. Ma è anche il colore minimal per eccellenza, che lascia spazio alla sostanza e alle linee pure. Non a caso, una casa essenziale tinteggiata di grigio cemento rivelerà al meglio le sue caratteristiche strutturali.

No Comments

Post A Comment