angolo relax in giardino

Un fondamentale dell’hyggekrog è… il cuscino

A volte basta quello per rendere accogliente una qualsiasi superficie dura.

L’angolo in cui rilassarti, anche solo per una breve pausa nella giornata, non deve per forza essere una parte della tua casa attrezzata di tutto punto per l’occasione. Certo, se così fosse vorrebbe dire che hai allestito un hyggekrog ad hoc per te, fisso, sempre pronto ad accoglierti, e probabilmente provvisto di tutto quello che ti ‘serve’.

Ma ora stiamo parlando di qualcosa di molto più semplice e piccolo, un pezzo caratteristico e prêt-à-porter, che da solo rende hyggekrog ciò che di per sé non lo è, per il semplice fatto di appoggiarlo e accomodartici.

Non importa se il cuscino è grande o piccolo, magari ne hai già uno che è il tuo preferito, certo è fondamentale che si adatti al luogo in cui desideri accomodarti. Non potrà essere un cuscino troppo sovradimensionato se lo sistemi in una piccola sedia a dondolo, mentre grande sarà perfetto per metterti comodo sotto un albero… farà da schienale e da cuscino! E ovviamente non deve per forza essere un cuscino single, puoi abbinarne tanti quanti vuoi tu sopra la stuoia in terrazzo, e sdraiartici sopra.

Il cuscino singolo rende l’hyggekrog più stabile e minimal: in estate lo immaginiamo sopra una panchina nel verde, o come poggiatesta sull’amaca. Il cuscino in multipla è ideale per l’hyggekrog fluttuante: quello che prende la forma del tuo corpo e ti fa un po’ sprofondare. Provare per credere!

No Comments

Post A Comment